“Stronger – io sono più forte”: la vera storia della forza di Jeff Bauman.

Si sa che i film tratti da vicende veramente accadute, colpiscono sempre al cuore. Riesci a immedesimarti con il/la protagonista, perchè pensi: “Cavoli, io non ci sarei riuscita eppure lui/lei ha trovato la forza di andare avanti.”

Proprio questo ho pensato guardando “Stronger – io sono più forte” – la vera storia Jeff Bauman, ferito nell’attentato della maratona di Boston del 2013.

Un film toccante con un attore protagonista – Jake Gyllenhaalforte e commovente nella sua interpretazione.

Se volete conoscere questa bellissima storia, continuate a leggere!

Titolo originale: Stronger

Titolo italiano: Stronger – io sono più forte

Regia di: David Gordon Green

Distribuzione: Leone Film Group e 01 Distribution

Uscita italiana: 4 luglio 2018

Cast:  Jake Gyllenhaal, Tatiana Maslany, Clancy Brown, Miranda Richardson, Frankie Shaw, Maggie Castle, Carlos Sanz, Danny McCarthy, Owen Burke.

Trama: Per riconquistare il cuore di Erin, una delle atlete in gara nella storica corsa, il 27enne Jeff Bauman decide di aspettare la ragazza alla fine del percorso, di accoglierla in prossimità della linea d’arrivo con un romantico cartello fatto a mano. Quando la folla di sportivi e spettatori viene sorpresa dallo scoppio di due ordigni piazzati a pochi metri dal traguardo, Jeff si risveglia in ospedale, dove scopre di aver perso entrambe le gambe nell’esplosione. Nonostante le difficoltà e lo sconforto, il ragazzo decide di collaborare con le forze dell’ordine impegnate nella caccia agli attentatori. Più tardi si sottopone a estenuanti sedute di riabilitazione fisica, che supera grazie al sostegno di Erin e della famiglia. Finché non torna a camminare con l’ausilio di speciali protesi. Oggi Jeff è un simbolo di speranza per i cittadini di Boston e l’America intera.

Dopo aver visto il trailer di questo film sapevo già che avrei pianto guardandolo, e infatti non mi sono risparmiata.

“Stronger – io sono più forte” porta sul grande schermo la vera storia di Jeff Bauman, un giovane ragazzo che si è trovato coinvolto nell’attentato avvenuto il 15 aprile 2013 alla maratona di Boston che gli ha portato via entrambe le gambe, ma non la forza.

Dopo un evento traumatico di questa portata, Jeff si è trovato catapultato in un mondo diverso e difficile da sostenere, nonostante non sia mai stato lasciato solo avendo al suo fianco la propria famiglia – la tipica famiglia americana piena di difetti, ma perfetta a suo modo – e l’amore della sua vita, Erin. Quest’ultima l’aveva lasciato per ben 3 volte, prima della tragedia, ma sono sempre tornati insieme perchè – nonostante i difetti di entrambi – si amavano. Erin si ritrova, insieme a Jeff, a dover affrontare questa nuova vita, ma lo fa con determinazione e forza, diventando così il sostegno di Jeff che riesce a superare tutto, grazie anche alla sua ironia e forza d’animo.

Forse ripeterò troppo la parola “forza”, ma è questo – come si evince dal titolo – che la storia di Jeff e il film vogliono farci capire. Venire privati in modo così drammatico di una parte così importante di se stessi, una parte fisica, porterebbe al collasso tutti, nessuno escluso, ma solo con l’amore e la forza di chi ci sta intorno può farci vincere, può farci correre nella maratona della vita.

Il film mi ha commossa, l’interpretazione di Jake Gyllenhaal l’ho trovata perfetta ed è stato in grado di farti provare ciò che ha sentito Jeff, prima, durante e dopo l’attentato…

Vi consiglio di andarlo a vedere perchè questa storia ci aiuta a capire che la vita è bella, sempre e comunque; ci potrebbero essere momenti ”no”, ma sta a noi trasformarli e a renderli positivi, per il nostro animo, perchè noi siamo forti!

Il film è tratto dal romanzo autobiografico scritto proprio da Jeff Bauman (con Bret Witter) dal titolo, appunto, “Stronger”.

«Ci vediamo al traguardo» dissi a Erin mentre passava davanti a me. «Ci sarò» annuì lei. In quel momento mi sembrò una cosa banale, la più normale del mondo. Suppongo che sia sempre così, prima che la sfortuna, o il caso, ti cambino la vita”. Il 15 aprile 2013 Jeff si trova a Boston, al traguardo della Maratona, una delle più importanti del mondo. Sta aspettando la sua fidanzata, Erin, che partecipa alla gara. Dopo mesi di incertezza, è lì per dimostrarle che tiene a lei e che vuole fare sul serio. Sono gli ultimi istanti di una vita normale, prima che si scateni l’inferno. Per un attimo Jeff perde i sensi. Quando riapre gli occhi, capisce che è esplosa una bomba e lui ha visto da vicino l’attentatore. E che le sue gambe non ci sono più. A 27 anni deve ricominciare da capo. Niente è facile, dopo. Riprendersi dal trauma, imparare di nuovo a camminare, gestire il peso della notorietà. Eppure, la sua non è una storia di disperazione. È una storia di resilienza e ottimismo, la storia di un ragazzo che non si piega al destino, ma decide di affrontarlo a testa alta. È insieme anche la storia di un grande amore, quello della sua ragazza che lo ha salvato nei momenti bui della riabilitazione. Jeff è la prova che proprio nelle avversità più grandi, si può scoprire di essere più forti di quanto non si sia mai sospettato. E che in coppia la forza non raddoppia, ma si moltiplica all’infinito.

Potete acquistare il romanzo dal mio link affiliazione Amazon: qui.

xoxo,

Gina.

______________________

Fonte info film.

Rate this post

Blogger. Writer. Telefilm Addicted. Multitasking.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*