Segnalazione “La prima stella del mattino” di Rhoma G.

Nuova segnalazione sul blog!

Oggi vi segnalo la nuovissima uscita self della mia amica autrice Rhoma G.

“La prima stella del mattino” è un storia d’amore ambientata nella fredda città di Gimli – che abbiamo già conosciuto nei suoi precedenti romanzi della serie Tempeste – con protagonisti Noelle, una giovane disoccupata in cerca di un nuovo lavoro, e Nathan, sexy ranger dalle origini Chippewa.

Se volete saperne di più, continuate a leggere 🙂

Titolo: La Prima Stella del Mattino

Autore: Rhoma G.

Data uscita: 14 Febbraio 2019

Editore: Self Publishing

Prezzo: € 2,99 (versione cartacea non ancora prevista)

Genere: Contemporary Romance

Finale: Conclusivo

Sinossi: “Prima o poi prenderò quella cometa per la coda” si ripeteva sempre per infondersi coraggio.
Noelle Harris ha solo tre buoni motivi per restare nella sua città: il suo amato lavoro, un pesce rosso di nome Murphy e un migliore amico inaffidabile.
Perciò, quando perde il posto di archivista e Albert si offre di badare al suo pesce, decide di lasciarsi alle spalle la vecchia vita e accettare un impiego temporaneo a Gimli, sconosciuta cittadina del Manitoba.
Appena arrivata, però, si trova ad avere a che fare con Nathan Carpenter, affascinante Ranger dalle origini Chippewa, nonché rinomato rubacuori. Per Noelle, anima romantica dall’indole sognatrice, è un vero tuffo al cuore, anche perché il ragazzo fin da subito sembra essere interessato a conoscerla meglio.
Complici un trio di amiche decise a far da cupido e un gruppo di vecchiette impiccione, Noelle sarà catapultata nella favola d’amore che ha sempre desiderato. Almeno fino a quando non si sveglierà di colpo e tutti i sogni e le illusioni cadranno come stelle che esauriscono la loro vitale luce. 
Una storia tenera e sensuale, che ha per protagonisti due anime affini accomunate dal doloroso bisogno di essere amate. A far da sfondo un Canada selvaggio e freddissimo, più che mai abbagliante.

Link d’acquisto (affiliazione Amazon): QUI!

Che ne pensate?

Io sicuramente lo leggerò e sono sicura che rimarrò affascinata dal focoso Nathan Carpenter! 😉

xoxo,

Gina.