Crea sito

Recensione in anteprima “Winter Sonata” di Angela Contini.

Eccomi a parlarvi del nuovo romanzo di Angela Contini che uscirà in self solo su Amazon il 30/04/2020, sia in formato ebook che cartaceo. Grazie all’autrice, ho potuto leggerlo in anteprima e l’ho adorato, nonostante io non sia un’amante del genere… ma per la Contini questo e altro! 😉

“Winter Sonata” è un romanzo storico che ha un qualcosa di moderno.
Volete sapere cosa?

Continuate a leggere!

Titolo: Winter sonata

Autore: Angela Contini

Genere: Romance storico

Prezzo ebook: € 2,99

Prezzo cartaceo: da definire

Numero pagine: 390

Data di uscita: 30 aprile 2020

Editore: Self Publisher

Voto: 4/5

Sinossi: Inghilterra 1848.
Costretto dall’amata zia Maud, Aidan James Rowling, duca di Langley, si imbarca per le Americhe alla ricerca di Annabelle Smith, una giovane sfortunata di cui la zia, mentre era in vita, si occupava. Di certo non si aspetta di trovare una ragazza abbigliata in modo discinto, che cerca di scappare dalla finestra del primo piano di un bordello di New York. Per tenere fede alla promessa fatta alla zia e per ottenere le fabbriche di sua proprietà che ella gli ha garantito in cambio, Aidan, suo malgrado, porta Annabelle con sé in Inghilterra, nell’Hertfordshire, come ospite poco desiderata del suo maniero, convinto che presto si libererà di lei. Ma non ha fatto i conti con l’indomita Annabelle, la quale fa di tutto per convincerlo che, nel bordello, non era affatto una prostituta, ma una semplice pianista. I due, quindi, ingaggiano una lotta a colpi di retorica che li porterà a scoprire molto l’uno dell’altra. Ci sarà un perdente e ci sarà un vincitore. Ma quando la posta in gioco è il cuore, forse, a perdere, saranno entrambi.
Sulle note di una melodia improvvisata, che accompagna l’inverno inglese, Aidan e Annabelle non saranno più così convinti di poter fare a meno l’uno dell’altra, ma troppo li divide: origini, ricchezza e qualcuno che trama alle loro spalle.  

Siamo in Inghilterra e il duca di Langley, Aidan James, parte per le Americhe alla ricerca di una ragazza che l’amata zia, mancata da poco, ha trattato come una figlia. È uno degli ultimi desideri della zia e quindi Aidan decide di accontentarla. Quando arriva a New York trova la giovane, Annabelle, in un bordello. Pensa immediatamente che lei sia una donna di facili costumi, ma – sempre per amore della zia mancata – farà di tutto per portarla con lui in Inghilterra e “salvarla” dalla sua miserabile vita.

Non sarà semplice convincere la giovane, perché Annabelle – cresciuta da sola – ha un temperamento non semplice e Aidan se ne accorgerà immediatamente.

Tornati in Inghilterra, Aidan tratta con sufficienza la giovane convinto che prima o poi lei deciderà di andarsene. Però non vuole essere lui a cacciare la giovane perché lo deve alla zia, ma se sarà lei a lasciare l’Hertfordshire lui avrà la coscienza a posto. Eppure la nostra lei si piega ma non si spezza e lo farà capire al nostro lui… in modi molto coloriti.

Annabelle ha una proprietà di linguaggio e un atteggiamento sopra le righe che può sembrare strano per una persona di umili natali come lei, ed è forse questo che farà incuriosire Aidan il quale comincerà a mettere nella giusta prospettiva la donna: è davvero una prostituta o è solo una ragazza che per sopravvivere si è ritrovata a vivere e a lavorare come pianista in un bordello?

Aveva dei capelli davvero splendidi, neri come l’ebano, lucidi e lunghissimi. Erano così morbidi al tatto da sembrare seta. Aidan si rese conto di esserle troppo addosso, ma non si spostò. Abbassò lo sguardo sulla scollatura di lei che si alzava e si abbassava al ritmo del suo respiro. Né il mantello né l’abito riuscivano a nascondere la leggera curva dei seni. Chissà quanti uomini l’avevano sfiorata e chissà come sarebbe stato se l’avesse sfiorata lui.

Tra continui battibecchi e batticuori, i due protagonisti riusciranno a lasciar perdere i pregiudizi e a far correre a briglia sciolta il loro cuore, in una società che non vede di buon occhio una coppia di diverso ceto sociale ma che, anzi, farà di tutto per allontanare.

Saranno così forti i due da combattere una guerra in nome del loro amore, sbocciato in un modo così inaspettato e potente?

Avrebbe fatto bene a starle il più lontano possibile, per la sua sanità mentale e per il benessere della signorina Smith. Sì, aveva deciso: d’ora in poi i contatti con Annabelle Smith sarebbero stati ridotti al minimo.

Ma non lo dichiarava sempre per poi smentirsi da solo?

Starà a voi scoprirlo leggendo “Winter Sonata”.

Ancora una volta Angela Contini si rivela essere una scrittrice completa in quanto riesce a spaziare di genere in genere, mantenendo sempre la sua penna rosa e affascinante. Una storia, come ho anticipato prima, che è sì classica ambientata in epoca Regency, ma anche moderna per la caratterizzazione dei personaggi che non sono i soliti protagonisti impettiti narrata con una scrittura fluida e vivida.
Un bel romanzo che potrà piacervi sia che leggiate storici o meno.

xoxo,
Gina.

 

2 comments

I Commenti sono chiusi.