“Prima di domani” – libro vs film.

Sabato sera sono andata al cinema a vedere un film che mi è davvero piaciuto. Tratto da un romanzo che io lessi nel lontaaanooo 2014, mi ha emozionata e anche fatta rimanere un po’ di emme a causa del finale… che ricordo mi aveva lasciato l’amaro in bocca anche dopo la lettura del libro.

Il film (e romanzo) in questione è “Prima di domani”, titolo modificato per il romanzo di Lauren Oliver “Before I fall”, conosciuto anni fa con il titolo “E finalmente ti dirò addio”.

Ok, siamo tutte confuse dalla scelta dei titoli italiani, comunque un bel film e un bel libro di cui vi parlerò se continuerete a leggere 🙂

Titolo: E finalmente ti dirò addio

Autore: Lauren Oliver

Pagine: 430

Edizione: Piemme Bestseller

ISBN: 9788856628159

Prezzo: € 11,00

Genere: YA, romance.

Voto: 4.5/5

Trama: Samantha Kingston ha tutto quello che un’adolescente potrebbe desiderare: il ragazzo più bello della scuola, tre amiche fantastiche, un’incredibile popolarità. Quel venerdì 12 febbraio si preannuncia come un altro giorno perfetto nella sua meravigliosa vita. Invece non andrà così, perché quella sera Sam morirà. Tornando con le sue amiche in macchina da una festa avrà un incidente. La mattina seguente, però, la ragazza si risveglia misteriosamente nel suo letto ed è ancora il 12 febbraio. Sospesa fra la vita e la morte, Sam continua a rivivere quella sua ultima giornata. Ogni volta si comporterà in modo diverso, cercando disperatamente di evitare l’incidente che la farà morire. Ma riuscirà a uscire da quell’incubo solo quando capirà che non è per salvare se stessa che continua a tornare.

In questo romanzo la protagonista e voce narrante è Samantha Kingstone, detta Sam, una giovane e bella ragazza che fa parte di un gruppo di popolari studentesse (con le sue migliori amiche Lindsay-Ally-Elody), di una scuola superiore di un piccolo paese del Connecticut. Samantha è semplicemente… una stronza, e anche le sue amiche non sono da meno. Sam è viziata, menefreghista e ciò che le importa è solamente avere il ragazzo più bello della scuola e partecipare alle feste più in. Tutti i giorni, anche “quel” 12 febbraio

Il 12 febbraio alla sua scuola di festeggia “Il giorno dei cupidi” e le quattro amiche, come ogni anno, si preparano vestite di tutto punto come delle mezze spogliarelliste per andare a scuola e poter partecipare alla gara di “chi riceverà più rose”. Per loro ricevere tante rose equivale ad essere molto popolari e Sam non può permettersi di sbagliare. La giornata scorre normalmente, ma ciò che lei non può sapere è che quella sera… morirà.

Eppure lei si risveglia, a casa sua, nel suo letto.

Ed è ancora il 12 febbraio.

Il giorno dei cupidi si ripeterà tutti i giorni, ed ogni giorno sarà diverso, perchè Sam tenterà di cambiare il corso degli eventi per salvarsi, ma solo alla fine – dopo essere maturata e diventata più consapevole delle reazioni a catena che scatenava il suo essere – capirà che quella che dovrà salvare, non è se stessa.

Lettura piacevole, divertente a tratti e profonda in altri. Lauren Oliver è sempre in grado di emozionarti e di toccarti il cuore. Intenso, drammatico, coinvolgente. Tutte caratteristiche che per me un buon libro deve avere… e questo li ha!

Se volete, potete acquistare la nuova versione del romanzo con la cover del film!

Titolo originale: Before I fall

Titolo italiano: Prima di domani

Regia di: Ry Russo-Young

Distribuzione: Eagle Pictures

Uscita italiana: 19 luglio 2017

Cast: Zoey Deutch, Halston Sage, Logan Miller, Elena Kampourish, Kian Lawley, Medalion Rahimi, Cynthy Wu, Erica Tremblay, Liv Hewson, Diego Boneta, Jennifer Beals, Nicholas Lea.

Trama: Una giovane ragazza vive l’incubo di rivivere lo stesso identico giorno più volte. Ma questo sarà anche la grande occasione per aggiustare le scelte sbagliate del passato. (fonte)

Ovviamente questo viene catalogato sotto la T di “teen-movie”. Probabilmente non avrà una trama originale – nel senso che abbiamo già letto (o visto) di un personaggio che rimane intrappolato in un loop temporale.

Ho trovato questo film lungo quanto basta, diretto quanto basta e assolutamente godibile.

Abbiamo un cast fresco con protagonista Zoey Deutch (già vista in “Beautiful Creatures – La sedicesima luna” e in “Vampire Academy”) che interpreta la ns. protagonista. Iniziamo a conoscerla attraverso la sua giornata a scuola, condivisa con le sue tre migliori amiche. Loro sono le più popolare della scuola, ma anche le più disprezzate da chi viene deriso dalla lingua lunga di Sam, ma sopratutto dall’amica Lindsay. Tutte e quattro nascondono le loro debolezze dietro la sfacciataggine e le gonne corte, ma quel 12 febbraio – il giorno dei Cupidi, in cui a scuola vengono consegnate rose rosse alle persone più amate – le amiche avranno un incidente stradale in cui perderanno la vita… eppure, quando Sam si risveglia, rivive lo stesso giorno. Inizialmente pensa di aver avuto solo un incubo, ma pian piano capirà che è intrappolata nello stesso giorno e compirà azioni che – se ciò non fosse avvenuto – non avrebbe mai voluto o avuto il coraggio di fare. Sam “crescerà”: campirà molte cose della sua vita, della sua famiglia e delle persone che la circondano.

Per spiegare la tematica del film con una citazione di un’altro film, userei quella di “The Butterfly Effect” del 2004: “Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo.”

Il ritmo della narrazione è stato lineare, ben descritto visivamente e la psicologia di ogni personaggio che veniamo a conoscere è ben spiegata; infine, l’interpretazione della Deutch è stata convincente ed emozionante.

Un film che consiglio di vedere a chi ha amato il romanzo, ma anche a chi non l’ha letto.

Forse voi potete permettervi di aspettare. Forse per voi un domani c’è. Forse avete mille domani, o tremila, o dieci, tanto tempo da poterci sguazzare, rotolare, dilapidarlo come monete. Tanto tempo da poterlo sprecare. Ma per qualcuno di noi c’è soltanto l’oggi. E la verità è che non si può mai sapere con certezza.

xoxo,

Gina.

5 (100%) 1 vote
Precedente "Life is Love", Claire Contreras - recensione. Successivo Perchè "Descendants of the Sun" è un #kdrama speciale.