Crea sito

“L’ultimo bacio” di Bianca Marconero – recensione.

Come sono emozionata!
Ormai Bianca Marconero è diventata una delle mie autrici italiane preferite. Le sue storie – da amante del genere rosa – mi spronano ogni volta a migliorarmi come autrice, o presunta tale 😉

A rischio di essere tacciata come stalker, ogni volta che scopro una sua nuova pubblicazione vado in ansia da prestazione, ahah, e quando l’autrice è così gentile da inviarmi la copia ARC per la recensione in anteprima, vado in brodo di giuggiole.

Tutta questa filippica per dirvi che il 15 novembre è uscito “L’ultimo bacio”, il secondo e ultimo romanzo della duologia dedicata alla storia di odio & amore tra Alex & Alice, personaggi secondari del romanzo edito Newton Compton “Non è detto che mi manchi”.

Dopo “Le nostre prime sette volte”qui trovate la mia recensione – è arrivato l’epilogo: Alex e Alice si decideranno a mettere da parte l’orgoglio e la paura per finalmente godersi a pieno i loro sentimenti?

Per scoprirlo, continuate a leggere 🙂

Titolo: L’ultimo bacio

Autore: Bianca Marconero

Edizione: Selfpublishing

ISBN: 9781707213559

Prezzo: € 14,90 (cartaceo) – € 2,99 (eBook)

Genere: Contemporary romance

Voto: 5/5

Trama: Alex e Alice non lavorano più insieme. Dopo l’ultimo licenziamento, le loro strade si sono divise. Sono trascorsi nove mesi e Alice tenta di tenere insieme i pezzi della sua vita, si barcamena tra mille lavori e cerca di andare avanti. Ma pensa ancora ad Alessandro. Sono trascorsi nove mesi e Alessandro ha preso le redini del progetto internazionale del Gruppo Francalanza Visconti, dirige la nuova sede di Parigi e ha una relazione stabile con Carlotta, una ricca ereditiera indicata da tutti come la sua compagna ideale. Ma pensa sempre ad Alice. Sono trascorsi nove mesi e tutto è pronto per il matrimonio di Emilia e Fosco, la location è stata scelta, gli inviti mandati e la chiesa addobbata. Sono trascorsi nove mesi e per Alex e Alice, entrambi testimoni degli sposi, è venuto il momento di rivedersi. Nella cornice da sogno di un antico monastero sul lago di Como, tra balli mancati e un duello di sguardi, si delinea un accordo imprevisto: scambiarsi un ultimo bacio e poi ognuno andrà per la sua strada. Ma un bacio tra due persone che si vogliono ancora, nonostante proclamino di non volersi affatto, non potrà mai essere l’ultimo. Soprattutto se il destino trama e li porta a lavorare per l’ennesima volta uno accanto all’altra nella città più romantica del mondo. Ma è davvero possibile capirsi, quando il passato minaccia di tornare? E come si può trovare il perdono quando emerge un segreto in grado di separarli per sempre? Tra una salita sulla butte di Montmartre una passeggiata ai giardini del Lussenburgo, tra serate all’Opéra Garnier e shopping sulla rive gauche, Alex e Alice avranno la loro occasione per scoprire il vero significato dell’ultimo bacio.

«È una contraddizione in termini, Alice. Un bacio tra di noi non potrà mai essere l’ultimo.»
Dopo 9 mesi dalla fine di “Le nostre prime sette volte” ritroviamo loro: Alessandro Francalanza Visconti e Alice Baker, Alex & Alice. Due persone che si amano visceralmente, ma per chissà quale motivo finiscono sempre per odiarsi e ferirsi.
Alice non ha più un lavoro degno di questo nome; si ritrova a lavorare in una bettola come barista, in mezzo a gente straniera e uomini ubriachi che oltre farle degli apprezzamenti espliciti, non sanno fare.
Alex, invece, si è ritrovato quasi costretto a fare una proposta di matrimonio a una donna, Carlotta, solo per solitudine e affari di famiglia.
Insomma, i due lontani non sono felici. Eppure continuano a nascondere ciò che il loro cuore sa perfettamente: la felicità sarebbe stare l’uno con l’altra.
Quando si incontrano al matrimonio dei loro amici Fosco ed Emilia, entrambi loro testimoni di nozze, il passato irromperà come un elefante in un ripostiglio e i due si ritroveranno schiacciati contro i muri, senza respiro. Un respiro che ritroveranno solamente quando si toccheranno e baceranno.
I due finiranno insieme in una camera d’albergo, pronti a concedersi un ultimo bacio, un’ultima loro volta insieme, ma… il presente è lì, stronzo e dispettoso, ed esploderà nuovamente tra i due come una bomba a orologeria.
«Non potrebbe mai essere l’ultimo, Alice».
«Perché non dovrebbe essere l’ultimo, Alex?»
«Perché il bacio che ho in mente ti piacerebbe troppo.»
Il destino li riporterà a lavorare insieme per 6 mesi, mesi che passeranno a Parigi nella sede staccata del Gruppo Francalanza Visconti. Alex, con un inganno, riuscirà a convincere Alice a vivere in un appartamento vicino al suo. Hanno solo 6 mesi per comprendere quanto il loro amore sia vero e grande, Alex ha 6 mesi per convincere Alice che i suoi sentimenti sono genuini, Alice ha 6 mesi per farsi convincere che Alex è l’uomo della sua vita.

È vero che non mi fido di lui, ma dei suoi baci sì.

Non vado avanti perché potrei spoilerare troppo, quindi mi fermo qui. Posso solo assicurarvi che, ancora una volta, Bianca Marconero mi ha conquistata, mi ha destabilizzata, mi ha resa felice. Durante la lettura divorerete pagina dopo pagina, vi sentirete distrutti come Alex e spiazzati come Alice. Arriverete a inca**arvi anche, perché i due hanno davanti ai loro occhi un amore con la A maiuscola e non se ne rendono conto… o forse lo sanno benissimo, ma hanno semplicemente paura. La paura è bastarda, lo sappiamo tutti, e Alex & Alice ne saranno vittima sino alla fine, in un happy ending tanto romantico quanto liberatorio.

Ci ho pensato parecchio e ora so cosa è successo l’autunno scorso: io ho avuto paura. Mi ha preso un terrore fottuto di non sapere stare senza di lei, ho sbagliato tutto e l’ho persa. La cosa terribile è che la nostra separazione è servita solo per farmi capire che avevo ragione: la vita non è la stessa, senza Alice.

“L’ultimo bacio” è narrato con un POV doppio alternato, come nel precedente romanzo. La penna di Bianca, che ve lo dico a fare, è sempre autentica, perfetta, da batticuore.

Pagina dopo pagina vi ritroverete al fianco dei due protagonisti – oltre che dei personaggi secondari, Fosco ed Emilia, dei quali conoscerete anche l’epilogo della loro storia (amo follemente questi due!) – e piangerete, vi dispererete, vi innamorerete molto di più di questi due ragazzi, tanto imperfetti quanto veri.

Concludendo: siete ancora qui? Leggete immediatamente questi due romanzi ed entrate nel “tunnel Marconero” dal quale è difficile uscire, ma sarete felici di vagare al suo interno.

(Img presa dal profilo autrice Facebook di Bianca Marconero.)

Potete acquistare il romanzo cliccando sul mio link affiliazione Amazon QUI, mentre per il precedente romanzo cliccate QUA.

xoxo,

Gina.

2 comments

  1. Sono sempre più grata e commossa 💖 l’attenzione e L’empatia che leggo nelle tue recensioni mi rendono davvero felice

I Commenti sono chiusi.