“Tutto l’infinito del cielo” di Angela Contini – recensione.

Aspettavo da tempo questo romanzo e ho avuto la possibilità di leggerlo in anteprima grazie alla mia ormai amica Angela Contini. Terzo romanzo della serie “Del cielo”, ancora edito Newton Compton Editori, ci porta nuovamente nel Vermont e facciamo la conoscenza di Mackenzie e Jordan, quest’ultimo già visto tra i personaggi secondari del secondo romanzo, “Tutte le stelle del cielo”.

Ho amato – ovviamente – anche questo romanzo dal titolo “Tutto l’infinito del cielo” e non vedo l’ora di parlarvene… ergo, continuate a leggere!

Titolo: Tutto l’infinito del cielo

Serie: Del cielo #3

Autore: Angela Contini

Pagine: 256

Edizione: Newton Compton Editori

Collana: First

ISBN: 9788822714039

Prezzo: € 5,90 (cartaceo)

Genere: Romanzo rosa / contemporary romance

Voto: 5/5

Trama: Jordan Peterson è un ricco rampollo che gestisce l’azienda di famiglia, cercando di salvarla dal fallimento a seguito della crisi. Tra gli investimenti in cui Jordan si lancia, c’è un beauty center che vorrebbe aprire al posto della pasticceria della bella e ribelle Mackenzie Morgan, chioma rosso fuoco e cuore irlandese. La ragazza non ha alcuna intenzione di perdere il lavoro per un capriccio di Jordan, così si fa incatenare alla porta della pasticceria per impedirne la chiusura. Quando Jordan arriva sul luogo della protesta, litiga subito con Mackenzie. I due, infatti, sembrano proprio non riuscire ad andare…

Uscito sia in ebook (al prezzo di € 0,99) che in versione cartacea lo scorso 22 febbraio 2018, è il terzo romanzo della trilogia “Del cielo”, scritto dalla mia partner in kdrama Angela Contini; potete acquistarlo in tutte le librerie fisiche e store online, tra cui il caro e vecchio Amazon.

Siamo nel Vermont, sempre nella cittadina Pretty Creek. I protagonisti sono Jordan Peterson & Mackenzie Morgan. Il primo, come ho detto prima, l’avevamo incontrato nel precedente romanzo della serie ed io personalmente l’avevo trovato irritante (ma probabilmente perchè ero persa per Kyle), ma in questo capitolo non ho potuto che iniziare a fangirlare anche per lui. La seconda invece è una ragazza dal sangue irlandese che è una maga – o forse dovrei definirla strega (se leggerete il romanzo capirete perchè) – nel creare cioccolatini. E nell’incasinare la vita del nostro lui!

Come si incontrano i due?, o forse dovrei dire “scontrano”?

Una mattina Jordan trova incatenata davanti alla vecchia pasticceria di Pretty Creek proprio la nostra ragazza dai capelli di fuoco Mackenzie. Immediatamente tra i due scatta la scintilla… ma di odio reciproco!
Lui non sopporta la saccenza e quasi prepotenza di lei, lei non sopporta la spacconeria e la faccia da belloccio di lui.

Perchè si odiano?

Jordan ha deciso di aprire un beauty center nel palazzo dove prima vi era la pasticceria in cui Mackenzie lavorava con la signora Tantlebaum, ormai passata a miglior vita. E’ costretto a causa della crisi che l’azienda di famiglia sta passando, ma Mac si opporrà con tutte le sue forze.

“E la rossa?”
“La pazza?”
“La rossa!”
“E’ Mackenzie Morgan. E’ una pasticcera o cioccolataia o che ne so. Lavorava nel negozio di Gwendolyn Tantlebaum. E tu le hai portato via il lavoro.”

Tra i due volano immediatamente parole colorite e nel corso della loro conoscenza ci saranno sempre e solo battibecchi, che nella lettura vi faranno sorridere e proverete immediatamente simpatia per entrambi. Come spesso accade l’odio si trasforma in amore… ma non sarà così semplice per entrambi ammettere ciò che provano.

I nostri due protagonisti non potrebbero essere più diversi: sono il bianco e il nero, sono il giorno e la notte, sono il dolce e il salato… ma senza di una non potrebbe esistere l’altro.

Jordan è un ragazzo con la testa sulle spalle, ha molte responsabilità nei confronti della società di famiglia e mette sempre al primo posto il lavoro, quindi – quando il cugino proporrà un progetto lavorativo, per la creazione di un particolare cioccolatino, in cui dovrà partecipare a tutti i costi Mackenzie – si ritroverà a dover combattere con l’antipatia per la ragazza e nello stesso tempo con l’attrazione che sente verso di lei. Mackenzie al contrario è una cazzona (passatemi il termine) ma nel senso buono della parola: vive alla giornata, dice e fa ciò che vuole, ma è anche in grado di prendersi le sue responsabilità e quando capirà di provare qualcosa per il belloccio (come definisce lei Jordan) non potrà che… dovrete scoprirlo voi leggendo!

Sto flirtando in modo spudorato e credo che lui se ne sia accorto. Aveva ragione Helena: davanti a un belloccio viene naturale. Tra un po’ mi metterò a battere le ciglia come Betty Boop.
“Stupida!, mi rimprovera la mente.
“Continua così!”, mi incoraggia il cuore.

Inizialmente Jordan proverà quasi timore verso i sentimenti dirompenti verso “la rossa”, ma Mac con la sua dolcezza al cioccolato riuscirà ad addolcire il cuore di Jordan.

Ho amato ogni singola parola di questo romanzo. Adoro l’ironia e il romanticismo che Angela inserisce nelle sue storie. Ogni suo romanzo lo divori, fila liscio senza mai annoiare; è in grado di non cadere nei soliti cliché che spesso nei romance contemporanei troviamo.

Non sono dentro di lei solo fisicamente, sono dentro di lei con tutto me stesso ed è lì che resto anche quando, consumati dall’amore, ci addormentiamo con tutto l’infinito del cielo sopra di noi.

Non vedo l’ora di poter leggere la novella su Sofia&James (i protagonisti del romanzo scritto dalla protagonista Victoria nel primo romanzo, “Tutta la pioggia…”) e il quarto romanzo di questa serieperchè ci sarà! – e naturalmente attendo qualsiasi romanzo di questa bravissima autrice italiana!

Se vi siete perse la mia recensione dei precedenti romanzi di questa serie, cliccate qui!

Mi è venuta voglia di visitare il Vermont, pieno zeppo di bellocci, e a voi?

xoxo,

Gina.

2 Replies to ““Tutto l’infinito del cielo” di Angela Contini – recensione.”

  1. Angela Contini dice:

    Ma io ti amo… grazie di cuore

    1. L’amore è reciproco! <3

I commenti sono stati chiusi.