“L’amore mi chiede di te” è il terzo romanzo scritto da Lucrezia Scali pubblicato con la famosa casa editrice Newton Compton Editori: Lucrezia è una giovane blogger che ha visto il suo romanzo d’esordio diventare un bestseller… e adesso non la ferma più nessuno!

L’estate scorsa avevo letto il suo precedente romanzo – La distanza tra me e te – che avevo divorato e amato. Scrivendoci sui social, dopo essere rimasta colpita dal suo secondo romanzo, Lucrezia è stata così carina da inviarmi il suo romanzo d’esordio oltre che il suo nuovo lavoro.

La sua penna è giovane, romantica e scorrevole e se volete conoscere Selva & Enea, continuate a leggere!

Autore: Lucrezia Scali

Pagine: 313

Edizione: Newton Compton Editori

ISBN: 9788822711267

Prezzo: € 10,00

Genere: Romance

Voto: 3,5/5

Trama: Roccamonte è una cittadina tranquilla, dove non succede mai molto. Per questo fa notizia anche l’apertura di una tisaneria: a gestirla è Selva, una ragazza arrivata da poco in paese. Considerata strana sin da piccola, per i suoi gusti diversi dalle coetanee, Selva ha un dono particolare: è brava ad aiutare chi è in difficoltà. Per qualsiasi problema, lei ha pronto un rimedio a base di erbe. Enea è il primo cittadino di Roccamonte: disponibilissimo con tutti, gentile e cordiale. Eppure assolutamente restio a lasciarsi coinvolgere. Tanto meno da Selva, con la quale Enea non sembra avere niente in comune. Ma nonostante si ripeta che deve starle alla larga, non può negare, almeno a se stesso, di esserne attratto. Quando finalmente tra i due sta per nascere qualcosa e lui pare deciso a lasciarsi andare, qualcuno fa ritorno in paese… qualcuno che appartiene al passato di Enea.

Per acquistare il romanzo basta cliccare qui.

Come per il suo precedente romanzo, Lucrezia ci porta con lei in un paesino poco conosciuto ma molto pittoresco e ci fa fare la conoscenza dei suoi nuovi due protagonisti – Selva e Enea – che sono molto diversi, ma trovano un’affinità che non credevano di poter avere.

Selva ha un dono, una particolarità lasciatale dalla nonna: è brava ad aiutare le persone in difficoltà, grazie alle erbe con cui prepara tisane e the. Per questo quando arriva a Roccamonte ed apre una particolare tisaneria, crea quasi scalpore perchè in quel paese non succede mai nulla.
Enea è il giovane sindaco di Roccamonte, restìo alle relazioni sentimentali dopo che la donna che amava l’ha lasciato con una figlia a cui badare senza molte spiegazioni. Quando si reca alla nuova tisaneria per conoscere il gestore, rimane folgorato da Selva ma anche molto infastidito.

Mentre la popolarità della tisaneria e della sua proprietaria acquista importanza tra la popolazione del paesino, tanto che i dolci e le tisane di Selva diventano un toccasana per le donne sole di Roccamonte, anche Enea capisce di aver mal interpretato la donna e la curiosità che lo spinge verso di lei si trasforma ben presto in attrazione, sia mentale che fisica.

Selva però crede nelle favole, cerca il principe azzurro e purtroppo Enea – nonostante il fascino e il buon cuore – non sembra esserlo: ha il cuore spezzato, non crede più nel lieto fine e il suo essere cinico non può che mettere un freno ad una relazione che potrebbe essere bella e duratura.

“Toccami, Selva, perché io sono reale”, mi spiegò, prendendomi una mano e portandola al petto. “Non faccio parte di un libro di fiabe, non sono un principe azzurro che sconfigge draghi o bacia la principessa per risvegliarla da un lungo incantesimo. Però sono qui, adesso e ho intenzione di portare avanti quello che ci sta succedendo.”

Selva non può stare con Enea, non può costruire qualcosa di importante con una persona che ha perso lo slancio verso l’amore. Non può, anche se ci vuole provare con tutta se stessa.

Quando il ghiaccio nel cuore di Enea sta per essere sciolto dal calore dell’animo di Selva, torna una persona che ha distrutto la vita del nostro bel protagonista e mina la felicità della nostra protagonista femminile.

Sapevo riconoscere il desiderio che provavamo entrambi.

Lo sentivo. Lo vedevo.

Riusciranno questi due giovani a dare un taglio al passato e a costruire un futuro insieme?
La risposta Lucrezia ve la darà a fine lettura con un happy ending perfetto per una romantica doc come la sottoscritta. Con una narrazione fluida e semplice “L’amore mi chiede di te” scivola via, anche grazie alla caratterizzazione dei personaggi ben delineata, oltre che grazie alla descrizione visiva del piccolo paesino: dopo ogni parola ti sembrava di essere proprio a Roccamonte!

Complimenti a Lucrezia che ha saputo dar vita ad un’altro delizioso romanzo. Se devo paragonarlo con “La distanza tra me e te” ho preferito quest’ultimo perchè vi era molto più pathos; “L’amore mi chiede di te” è comunque un toccasana per l’animo, come le tisane di Selva 🙂

Vi ricordo che la mia recensione del suo precedente romance la trovate nel recap delle mie letture estive cliccando qui. Se invece volete acquistare i romanzi di Lucrezia via basta cliccare quiquo e qua.

Molto presto recupererò anche la lettura del suo romanzo d’esordio e, ovviamente, troverete la mia recensione sul blog!

xoxo,

Gina.

Rate this post