“Il giorno che aspettiamo” di Jill Santopolo – recensione.


Books, Recensioni / sabato, gennaio 27th, 2018

Questo romanzo non lo conoscevo, ma mi aveva incuriosita dopo aver letto la recensione della mia collega blogger Pina su www.ilariarodella.com. La prima cosa che mi aveva attirata era l’ambientazione – New York, che io sogno sin da piccola di visitare – e una data che ha segnato la vita di moltissime persone in tutto il mondo, l’11 settembre 2001.

Con queste premesse non potevo non dargli una possibilità e, a lettura conclusa, sono davvero contenta di aver letto questo romanzo perchè per me ha come voto 4 stelline e mezzo!

Per saperne di più sul romanzo di Jill Santopolo, continuate a leggere 🙂

Titolo: Il giorno che aspettiamo

Autore: Jill Santopolo

Pagine: 398

Edizione: Editrice Nord

ISBN: 9788842929796

Prezzo: € 16,40

Genere: Romance contemporaneo

Voto: 4.5/5

Trama: Una luminosa mattina di fine estate, un ragazzo e una ragazza s’incontrano all’università, a New York, e s’innamorano. Sembra l’inizio di una storia come tante, ma quel giorno è l’11 settembre 2001 e, mentre la città viene avvolta da un sudario di polvere e detriti, Gabe e Lucy si baciano e si scambiano una promessa. E due vite si fondono in un unico destino.
Tredici anni dopo, Lucy è a un bivio. E sente la necessità di ripercorrere con Gabe le tappe fondamentali della loro relazione, segnata da scelte che li hanno condotti lungo strade diverse, lungo vite diverse. Scelte che tuttavia non hanno mai reciso il legame profondo che li ha uniti per tutti quegli anni. Così Lucy gli parla dei loro primi mesi insieme. Del loro amore intenso, passionale, unico. In una parola: puro. E poi di come Gabe avesse infranto quella purezza, decidendo di partire, di andarsene da New York per accettare l’incarico di fotografo di guerra in Iraq. Perché lui sentiva di doverlo fare, perché ciò che accadeva nel mondo era più importante di loro. Una scelta che aveva aperto nel cuore di Lucy una ferita che lei pensava non sarebbe guarita mai. E che, invece, era stata curata da Darren, l’uomo che lei avrebbe scelto di sposare. Eppure quella ferita si riapriva ogni volta che Lucy riceveva una mail o una telefonata da Gabe, e ogni singola volta che lo aveva rivisto nel corso degli anni. Poi era arrivata quella volta, era arrivato quel giorno… Lucy custodisce un ultimo segreto, ed è giunto il momento di rivelarlo a Gabe. Sono state tutte le loro scelte a condurli fin lì. Adesso un’altra, ultima scelta deciderà il loro futuro.

“Il giorno che aspettiamo” è un romanzo narrato dal punto di vista della protagonista Lucy, che può sembrava una lettera aperta al suo primo amore Gabe. Sono fatti l’una per l’altra, sembrano una l’anima gemella dell’altro ma la vita ha in serbo per loro qualcosa di diverso…

Il mondo sembrava sul punto di andare in pezzi, e a me pareva di aver attraversato uno specchio scheggiato per entrare nel luogo frammentario che c’era dietro, dove niente aveva senso, dove non c’erano più né difese né muri. In quel luogo, non c’era nessun motivo per dirti di no.

Lucy e Gabe si conoscono una mattina di fine estate e più precisamente l’11 settembre del 2001. Sono due giovani studenti che si ritrovano, come molte persone quel giorno, ad assistere ad uno dei più gravi attacchi terroristici a cui il mondo abbia mai assistito sino ad allora: quello alle Torri Gemelle di New York.

Forse a causa di quello che stavano vivendo, forse per la paura di non poter vivere più, i due si baciano e in loro scatta qualcosa di fortissimo, un legale nato casualmente ma che si rivelerà essere più vero di ciò che credevano.

Sei stato tu. E l’11 settembre. La persona che sono, le scelte che ho fatto. Le devo a te. A quel giorno.

I due iniziano a frequentarsi, vanno a convivere e si amano in modo totalizzante, finché i sogni e le ambizioni di entrambi li portano lontano l’uno dall’altra. La vita e le loro scelte li dividono, nonostante in fondo continuino ad amarsi. Gabe decide di diventare un fotografo di guerra, mentre Lucy vuole rimanere a New York e fare la sceneggiatrice di programmi tv per bambini. La scelta che lui compie l’attua da solo, senza interpellare la ragazza che ama e con cui vive da tempo, e Lucy ne rimane fortemente delusa e ferita.

Ti amavo. Sul serio. E ti amo ancora adesso. Tantissimo. Eppure quello che mi chiedevi non era giusto. E mi ha ferito – mi ferisce ancora adesso – che tu abbia preso la decisione di partire senza consultarmi e che non fossi disposto a valutare nessuna alternativa.

La storia narrata ci porta nella vita di Lucy con e senza Gabe: ci racconta come lei cresca e inizi a frequentare e ad amare un’altro uomo, portando comunque in fondo al cuore il ricordo del suo primo vero amore; ci spiega come lui riesca a vivere senza di lei, occupando la sua vita con la fotografia e tentando di amare altre donne… ma tutto lo riporta sempre a New York, anche per pochi giorni, e dalla sua Luce (come ha sempre chiamato Lucy).

Gabe organizza una mostra fotografica e uno dei soggetti è proprio Lucy. Quando quest’ultima visita alla mostra con la sua migliore amica, capisce che potrà viveve distante da lui, potrà anche amare un’altro uomo e farci dei figli, ma Gabe sarà sempre e per sempre il suo primo vero amore.

Come si evolverà la storia dovrete voi scoprirlo leggendo questo romanzo che è una piccola perla che tutte le romance addict dovrebbero avere nella propria libreria.

Era una passione che trascendeva il tempo, lo spazio, la logica. Ti auguro di trovare un amore così, un amore così potente che ti sembrerà di impazzire. E, se lo trovi, accoglilo. Tienitelo stretto. Quando ti concedi di vivere un amore così, sappi che forse ti farà soffrire. E ci starai male. Ma ti sentirai anche invincibile e infinito.

Se volete acquistare il romanzo potete trovarlo su Amazon, su Libraccio.it e sul sito ufficiale della casa editrice NORD.

Alla prossima recensione <3

xoxo,

Gina.

____________

Credits immagine di copertina: www.laurapatriciarose.co.uk

Rate this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*