Cool As Ice. #noideglianni90

Mi è venuta in mente una nuova rubrica, che non avrà cadenza mensile ma casuale… altrimenti non riuscirei ad aggiornarla. Forse non avrà senso per voi, ma per me sì 🙂

Essendo nata nel 1987, ho vissuto gli anni ’90 e molte delle mode, dei giochi, dei film, delle serie tv, della musica, ecc. ha lasciato il segno nel mio animo da bambina/adolescente.

Questa rubrica si chiamerà “Noi degli anni ’90” e per questo primo post vi voglio parlare del film “Cool as Ice”, con protagonista il rapper bianco e politicamente corretto – quindi nulla a vedere con il grande Eminem – Vanilla Ice.

 

Titolo: Cool as Ice
Anno di uscita: 1991
Cast: Vanilla Ice (Johnny); Kristin Minter (Kathy); Naomi Campbell (cameo – singer first club); Michael Gross (Gordon); Victor DiMattia (Tommy); Deezer D (Jazz); Allison Dean (Princess); Sydney Lassick (Roscoe); Dody Goodman (Mae); John Newton (Nick).
Regista: David Kellogg

Trama: Johnny Van Owen è un rapper che viaggia da città in città, insieme ai suoi 3 migliori amici. Mentre con il suo gruppo passa per una piccola cittadina, incontra (e si scontra) con la studentessa Kathy Winslow. Il gruppo di amici rimane bloccato nella città dopo che la moto di uno di loro ha un guasto. Durante l’attesa per la riparazione, Johnny non si lascia scappare l’occasione per vedere Kathy. Lei ha già un ragazzo di nome Nick, ma sa di provare qualcosa anche per Johnny…

Questo film lo ricordo con affetto perchè quando ero piccolo i miei fratelli me l’hanno fatto vedere più e più volte, tanto che conservo ancora la VHS; è quasi introvabile su Amazon la versione italiana in dvd, però potete acquistare l’edizione del Regno Unito – acquista qui.

Cosa parla “Cool As Ice”?

Semplicemente di musica e di amore. E’ il tipico romance anni ’90 che fa sognare sulle note delle canzoni più famose di questo rapper dal cuore d’oro. Se avete i miei stessi gusti – e se mi seguite da un po’ di tempo li avrete capiti – questo film è una piccola chicca. Naturalmente non stiamo parlando di una pellicola di spessore o di un kolossal, però secondo me non ha nulla di che invidiare alle commedie romantiche che vediamo al cinema dal 2010 in poi.

Johnny viaggia di città in città in moto con i suoi 3 migliori amici: loro sono moderni, controcorrente e sono degli artisti. Quando arrivano in una pittoresca cittadina, una delle loro moto ha un guasto e si ritrovano costretti a doversi fermare proprio in quel posto; saranno 2 meccanici a dargli dove dormire… e lui incontrerà Kathy, la ragazza a cavallo che aveva fatto spaventare qualche ora prima.

Johnny si innamora a prima vista della ragazza, e – anche se lei sente di provare qualcosa per quel strano ragazzo – dovrà fare i conti con i genitori, che le nascondono un segreto, le amiche con la puzza sotto il naso e con il suo ragazzo… un ragazzo bigotto e bugiardo che farà di tutto per screditare Johnny agli occhi di tutti.

Eppure Kathy segue il suo cuore e passa una giornata indimenticabile con Johnny… finchè torna a casa e si ritroverà a dover affrontare il rapimento del fratellino e l’odio del padre verso il ragazzo ribelle dal ciuffo ossigenato.

Come ogni commedia romantica che si rispetti ha un happy-ending, che io ho adorato!

Il film dura poco meno di un’ora e mezza e scivola via velocemente. A me piace molto, sopratutto perchè è ironico e romantico senza eccedere nel trash. Sicuramente un punto a favore è la colonna sonora, interamente di Vanilla Ice che negli anni ’90 ebbe un grandissimo successo.

Vi lascio qui sotto una clip dei primi minuti del film, senza farvi troppi spoiler!

Cosa ne pensate? Recupererete questo film in pieno stile anni ’90?

xoxo,

Gina.

 

 

 

 

Rate this post
Precedente "Il cavaliere d'inverno", Paullina Simons - recensione. Successivo "L'amuleto d'ambra" di Diana Gabaldon - recensione.

Lascia un commento

*