Candele everywhere. #homedecor

Sono una persona che non ama accendere le candele profumate, ma amo acquistarle e ternerle lì. Avete capito bene.

Mentre tutte le blogger, instagrammer, youtuber & compagnia bella hanno sempre una loro fidata candela accesa quando fanno foto o video, a me dispiace accenderle e vederle consumarsi.

Che ci volete fare! 😉

Eppure mi piace acquistarle e le trovo un ottimo complemento d’arredo, sopratutto nelle stagioni fredde.

Se continuate a leggere il mio articolo, vi suggerirò 4 tipi di candele che non possono mancare in casa vostra!

Curiose?

YANKEE CANDLE

Queste sono un’ossesione per tutte. Anzi, ormai sono diventate uno status symbol 🙂

Candele americane naturali al 100% si presentano in varie forme e vari prezzi: dalle tart alle votive, dalle tea-lights alle giare piccole/medie/grandi; oltre ai diffusori, profumatori per auto e ai vari accessori per utilizzarle.

La cosa bella delle “Yankee Candle” è che ci sono di tutti i colori (entrate in un negozio che le vende e rimarrete a bocca aperta dall’arcobaleno che compongono!) e di tutte le fraganze: hanno nomi particolari e affascinanti, come ad esempio Autumn Glow, Warm Cashmere, Vanilla Cupcake, Fresh Cut Roses, All is Bright, Angel’s Wings (non so come possano sapere di che cosa profumino le ali di un angelo, ma i loro nomi sono la cosa più figa!), e potrei continuare all’infinito!

Naturalmente esistono candele con fragranze “semplici” come limone, aloe vera, rose, e per ogni ricorrenza vengono create le candele dedicate, come ad esempio, al Natale, ad Halloween, all’estate, e così via.

Potete acquistarle ovunque ormai, sia sul web che in negozi come ”Kasanova”, ma troverete tutto l’assortimento sul sito ufficiale: http://www.yankeecandle.it/

JEWEL CANDLE

Candele fatte a mano al 100% hanno come particolarità di nascondere all’interno un gioiello.

Il gioiello in argento Sterling 925, ha un valore che varia da 10,00 € a 250,00 €. Inoltre si può scegliere tra la candela che nasconde un anello, un bracciale, un charm o un paio di orecchini. Naturalmente sono candele profumate e sono prodotte con materie prime di alta qualità e a basso impatto ambientale; potete trovarle in tart e in jar di vetro di media e grande dimensione. In questo periodo è disponibile la versione UNICORN… adoVo!

Inoltre sono disponibili anche sali e bombe da bagno, oltre che candele da massaggio.

Potete trovarle su Amazon o Ebay, ma io preferisco acquistarle dal sito ufficiale: https://jewelcandle.it/

CANDLE BATH & BODY WORKS

Sbarcato da pochi mesi in Italia questo brand e relativi negozi (potete trovarli ad Arese, nel centro comm.le “Il Centro”, e a Milano vicino Piazza del Duomo), ovviamente “Bath & Body Works” ha la sua linea candele.

Io non ne ho ancora acquistata una, ma sono davvero bellissime da vedere e con delle profumazioni strepitose! Io avevo annusato quella al melone, durante l’estate, e volevo mangiarmela!

Si presentano in jar basse in vetro, alcune sono abbastanza grandi come dimensione, e mi sembra che quasi tutte presentino tre stoppini da accendere, rispetto al singolo stoppino delle comuni candele.

Per comprarle online ecco il link diretto: http://www.bathandbodyworks.com/c/home-fragrance/all-candles

IKEA CANDLES

Molto più economiche rispetto alle precedenti, e molto più semplici, sono le candele vendute all’Ikea. Quest’ultimo negozio è una fissazione per le home decor addicted, tanto che se vai in questo negozio non puoi non acquistare anche una minima cavolata!

Le candele si presentano in versione profumata e non, con vetro o semplicemente versione cero, o tea-lights.

Potete farvi una cultura su queste candele spendendo pochi Euro cliccando qui!

Ed ecco terminata la carrellata delle candele che, secondo il mio parere, non possono mancare in casa.

Che le accendiate o no (come la sottoscritta) avere delle candele in casa, rende più accogliente ogni stanza!

Se avete altre candele da suggerirmi, scrivetemi pure nei commenti 🙂

xoxo,

Gina.

Rate this post
Precedente "L'amore non è mai una cosa semplice", Anna Premoli - recensione. Successivo "Il cavaliere d'inverno", Paullina Simons - recensione.